Operatori del sorriso

Dal 2014 anche il Comitato CRI di Saronno ha il suo gruppo di

“Operatori del sorriso”

volontari che si prefiggono l’obiettivo di promuovere la “terapia del sorriso” all’interno di luoghi di sofferenza e di disagio sociale.
Una delle caratteristiche principe della clownterapia è quella di essere un’attività che si adatta a ogni grado di vulnerabilità, indipendentemente dall’età, dal sesso e dallo stato psicofisico dell’utente. Cambia di volta in volta l’approccio e il livello di animazione proposto, ma resta comune l’intento di entrare in un rapporto empatico con la persona, nel pieno rispetto della sua sensibilità e della sua interiorità.

I beneficiari dell’attività possono essere:

  • ANZIANI, in questa categoria ricadono persone con differenti gradi di autosufficienza, la maggior parte delle quali allettate e/o con un livello cognitivo medio-basso;
  • DISABILI, soggetti con problemi deambulatori e/o con un livello cognitivo medio-basso;
  • BAMBINI, minori con problemi familiari o di emarginazione, inseriti in strutture di accoglienza o, in quanto affetti da un temporaneo livello di sofferenza fisica, ricoverati in strutture ospedaliere;
  • RAGAZZE MADRI, donne minori e maggiorenni, con alle spalle situazioni familiari disagiate e inserite in case-famiglia;
  • CARCERATI, persone che stanno scontando pene detentive, con problemi di emarginazione sociale.